19 Dicembre 2019

Il borgo di Colonnata

Situato sulle pendici delle Alpi Apuane, il caratteristico borgo di Colonnata si sviluppa a monte della città di Carrara ed è noto in tutto il mondo per il suo lardo, stagionato nelle famose conche di marmo, e per le sue cave di marmo.

Le origini di Colonnata risalgono al 40 a.C. quando i Romani dislocarono qui un primo insediamento di schiavi destinati allo sfruttamento intensivo delle cave per l’impiego a Roma del marmo bianco di Carrara.

Lungo i vicoli del paese ancora oggi è possibile ritrovare tracce delle caratteristiche storiche originarie che si ritrovano nell’uso di corpi di marmo lasciati a vista nelle murature, nei portali o negli stipiti di porte e di finestre.

Sulla piazza centrale del paese svetta il campanile di sassi, che si staglia sullo sfondo della vista della cave e nella piazza di fianco alla chiesa il Monumento ai Cavatora, gruppo scultoreo di Alberto Sparapani interamente eseguito in marmo bianco di Carrara

Le cave di marmo della Gualtiero Corsi S.r.l., la Cava 168 “Cima di Gioia” e la Cava 167 “Venedretta”, sono ubicate proprio qui, nel bacino di Colonnata, quello che oggi è considerato uno dei più grandi bacini estrattivi d’Europa.

Dalla storica cava Cima di Gioia si estraggono materiali di grande fascino come il Bianco Gioia largamente utilizzato in architettura e nell’interior design.

Dalla cava Venedretta sono estratti materiali importanti come il Bianco, il Venato di Venedretta ed il Paonazzo ideali per la realizzazione di articoli di alto design.